Le cose da cui sei sparito

Le cose da cui sei sparito di Antonella Massa

Caterina perde il marito Giulio Rinaldi disperso in mare in circostanze non chiarite e precipita in uno stato di assenza in cui vuole fermare tutto ciò che le sta intorno per rifugiarsi nel ricordo di lui, ritenuto l’unico fulcro della sua vita. Si defila nella casa di campagna e lì si allontana da tutti perfino dalle parole che le risultano sempre più difficili.

Un fatto imprevisto fa scattare il risveglio dal torpore in cui è precipitata: crede di ritrovare il marito in un uomo “uguale, ma diverso” incontrato per caso. Da lì comincia ad insinuarsi in lei il dubbio sugli eventi legati alla morte di Giulio e a poco a poco si convince che dietro la sua scomparsa si celi ben altro anche perché continuano ad affiorarle aneddoti e flash della loro vita che fino ad allora non aveva mai considerato. E’ questo il continuo remind che la casa di campagna le suggerisce.

Dopo aver ritrovato un file contenente i dati di un trasferimento di capitali su di un conto estero, si affida ad un’agenzia investigativa per avere prove dettagliate e scopre che Giulio è molto probabilmente un certo Lucien Vergez che vive sull’isola di Saint Martin con una attivista ambientalista che sicuramente lo ha aiutato a sparire. Per la prima volta Caterina, da sola, affronta un viaggio intercontinentale e raggiunge l’isola alla ricerca di Giulio-Lucien. Vuole capire come ha potuto simulare la morte e trasformarsi in una nuova persona senza che lei abbia mai intuito nulla.

Il trasferimento, la ricerca, la conoscenza di nuove persone e soprattutto di una nuova parte di se stessa di fronte ad una circostanza anomala e contrastante porteranno Caterina alla scoperta di una nuova dimensione emotiva ed esistenziale.

Disponibile su:

Gatti ed altri amici

Gatti ed altri amici, scritto ed illustrato da Antonella Massa.

Quattro storie di gatti, che raccontano la libertà, l’accettazione del diverso, la convivenza, la conoscenza del nuovo.

Disponibile su ordinazione presso l’autrice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *