c’eravamo lasciati su quelle scale….

17 Marzo 2018

c’eravamo lasciati su quelle scale, abbandonati ai nostri sguardi lontani, ormai ci sentivamo persi o meglio dispersi in un sottile ricordo sfumato. c’era intorno a noi una nuvola bianca che, vaporosa, si stava lentamente alzando coprendoci le estremità. erano spariti prima i piedi, le nostre scarpe di pelle chiara, poi le gambe, poi le dita delle mani, i polsi, le braccia. a poco a poco la nebbia sottile dell’abbandono ci aveva avvolti  entrambi e contemporaneamente un senso di leggera soddisfazione prese a solleticare il nostro cuore e i nostri occhi che finalmente non avevano più punti-limite su cui arrestarsi.

eravamo così spariti ai nostri reciproci sensi, nessuna vista, nessun odore, nessun contatto. quel vapore acqueo bianco e soffice ci aveva portati via l’una all’altro senza dolore. c’eravamo lasciati su quelle scale, le nostre membra sfilacciate nelle nuvole dell’abbandono, privati del legame che ci aveva tenuti uniti fino allora, fino a quel momento perfetto in cui la colla densa dell’amore non si era sciolta o forse asciugata o forse seccata o forse assorbita dal tempo della fine. quel tempo unico, determinante, chiaro in cui è l’abbandono il cielo che sogni, è l’abbandono il mare in cui vuoi immergerti.

è l’abbandono l’oblìo nebbioso in cui vuoi lasciarti andare e non vedere. là, su quelle scale ci eravamo finalmente l’una dall’altro,    slegati……

Facebooktwittergoogle_plustumblrmail

Tag:, , , , , ,

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.